Crea sito

L’influenza di Bergson su “Il fu Mattia Pascal” di Pirandello


La rivalutazione del passato da parte di Freud e, soprattutto, la concezione del tempo come durata di Bergson hanno influito moltissimo anche sul romanzo pirandelliano.
Si averte infatti nella narrazione un continuo spostarsi nel tempo, cambiando anche i rapporti tra la durata oggettiva degli eventi e la durata della narrazione.
Ne “Il Fu Mattia Pascal” l’ordine narrativo dei fatti non coincide infatti con l’ordine con cui essi si sono verificati: vi sono spostamenti all’indietro, ossia analessi e retrospezioni, e spostamenti in avanti, ovvero prolessi e anticipazioni. Tutto il romanzo appare costruito come una lunghissima analessi, a partire dal presente, dal momento in cui Mattia scrive e da questo piano cronologico il soggetto narrante parla e ad esso sovente ritorna.
Il romanzo comincia en arrière, a vicenda conclusa e con questo artificio lo scrittore vuole sottolineare la distanza che separa il tempo dell’annunciazione dal tempo della storia. In questa prospettiva, quindi, il leitmotiv del tempo, visto come principio di logoramento e di dissoluzione, perde importanza, perché noi, come afferma giustamente Hauser, “non solo siamo la somma dei singoli momenti della nostra vita, ma il prodotto dei nuovi aspetti che essi acquistano ad ogni nuovo momento”… non diventiamo più poveri per il tempo passato e perduto; solo esso anzi dà sostanza alla nostra vita”. Di conseguenza la rappresentazione dell’interiorità del personaggio deriva dalla contaminazione di piani cronologici, da un magma memoriale perennemente mutevole, da scandagliare con le tecniche più diverse, in parte già sperimentate prima (il discorso indiretto libero) ed in parte nuove (il monologo interiore). Non c’è quindi una meccanica riproduzione della realtà, ma la narrazione rappresenta gli eventi così come si presentano alla coscienza.
Alla nuova visione del tempo è collegata la mutata funzione del narratore: non c’è più il narratore-autore, omnisciente, che, come un demiurgo, conosce e muove tutta la vicenda, inserendola in una visione del mondo, ma viene adottata la soluzione del narratore interno, che è anche protagonista e narra in prima persona.





Argomenti correlati

Ciò che ci irrita negli altri ci aiuta a crescere

Paura dell’abbandono : esserne consapevoli, per superarla

E' impossibile piacere a tutti

Chiedere scusa: perché è così difficile

Le parole possono far male, ma talvolta il tacere può annientare

Può esserci più umiltà nel ricevere che nel donare

Elogio dell’ inutile

E' la fine di qualcosa? No, è un'opportunità!

A volte la rabbia è utile, perché stimola a reagire

La timidezza non è un handicap

La semplicità passa dalla complessità

Non vogliamo la conoscenza, ma la certezza

La delusione non è generata dagli altri, ma dalle nostre aspettative

Ciò che vediamo dipende dal nostro sguardo

Non è mai tempo perso

Il flusso di coscienza e la percezione del tempo. Joyce, Svevo, la persistenza della memoria di Dalì

Il concetto di tempo in arte e letteraura. Le opere di Pirandello e Svevo

In che termini si può parlare di pessimismo in Verga?

Rapporto tra il vero e l’inventato in Manzoni

Individuum e sexus in Leopardi

La noia in Leopardi

Il passero solitario di Leopardi

Leopardi Il Sabato del villaggio. Testo e commento

La quiete dopo la tempesta: ottimismo e pessimismo in Leopardi

A Zacinto di Ugo Foscolo: testo, analisi e commento

Il sonetto Alla sera di Ugo Foscolo. Testo ed analisi del primo dei Sonetti

home